Scopri il nostro servizio sulla gestione dei Dispositivi di Protezione Individuale >

Home Approfondimenti News Smart working: il lavoro agile è un vantaggio anche per l’ambiente
22/12/2020
Smart working: il lavoro agile è un vantaggio anche per l’ambiente

Viviamo in un mondo che è sempre in movimento e, mai come nell’ultimo anno, in tempi che richiedono una capacità di adattamento rapida. Nel 2020 il clima di emergenza sanitaria da Covid-19 ci ha purtroppo imposto di fermarci, ma non tutto è arrivato per nuocere. Il distanziamento sociale e la chiusura di molti uffici e aziende hanno dettato le nuove regole del lavoro, ovvero dello smart working, introducendo in verità in modo più esteso un modello lavorativo già ampiamente utilizzato da molte realtà e che si sta confermando sempre di più una risorsa preziosa anche per l’ambiente, oltre che per il business.

La soluzione per garantire il lavoro in sicurezza

Lo “smart working” è una modalità in cui si svolge un rapporto di lavoro subordinato, senza vincoli orari, di spazio con un’organizzazione per fasi, cicli e obiettivi, definita da accordi individuali tra dipendente e datore di lavoro.

Questa modalità agevola il lavoratore a conciliare i propri tempi di vita privata con quelli del lavoro e facilita anche lo sviluppo della sua produttività. Quindi smart working è inteso come flessibilità organizzativa, in cui però si stabiliscono gli strumenti per lavorare da remoto e si assicurano gli stessi trattamenti (economici e normativi) dei colleghi in modalità ordinaria.

Per contenere e gestire l’emergenza epidemiologica da COVID-19, il governo è intervenuto sulle modalità di accesso allo smart working attraverso anche i vari DPCM nel corso del 2020, raccomandandone il massimo utilizzo per le attività che possono essere svolte a distanza.

Il “lavoro da casa” è stato un’ancora di salvezza durante il lockdown più serrato ed ha continuato a registrare una tendenza positiva anche nei mesi successivi. Ormai sono oltre 2 milioni gli Italiani coinvolti nel lavoro da remoto dall’inizio della pandemia e che quindi, non avendo necessità di recarsi sul classico posto di lavoro, risparmiano sotto tanti punti di vista, anche quello più green oriented.

Remedia e lo smart working: vicina alle aziende, ma anche ai propri dipendenti

 Da sempre Remedia TSR, partner per la gestione eco-sostenibile dei rifiuti aziendali e per la consulenza ambientale, affianca le aziende impegnandosi per ridurre al minimo l’impatto sull’ambiente, nel rispetto della legge e della sostenibilità economica. Propone soluzioni complete e affidabili, orientate alla sicurezza normativa e alla valorizzazione del rifiuto.

I servizi offerti sono inoltre personalizzabili e modulabili, frutto di una strategia creata ad hoc per le singole esigenze in materia di trattamento dei rifiuti e apparecchiature usate per enti e aziende.

Ma Remedia TSR è da sempre anche attenta al benessere dei propri dipendenti e dell’ambiente, introducendo già nei primi mesi del 2019 il modello organizzativo dello smartworking nel programma di welfare aziendale. 

Benefici ambientali misurabili: lo studio di Remedia TSR durante il primo lockdown

 Secondo lo studio effettuato da Remedia TSR, che si riferisce al periodo da marzo a giugno 2020, diminuendo la presenza negli uffici e di conseguenza gli spostamenti, si sono ottenuti diversi effetti positivi, quali:

  • Riduzione del traffico
  • Riduzione dell’impatto ambientale
  • Miglioramento del work-life balance

L’analisi Life Cycle Assessment*, tecnica basata su standard condivisi a livello internazionale che quantificano e valutano gli impatti sull’ambiente di una produzione o di un processo attraverso indicatori specifici, ha indagato in maniera puntuale sulla fase di trasporto dei dipendenti riportando:

  • il calcolo preciso dei km percorsi per recarsi al lavoro e per rientrare alla propria abitazione
  • l’analisi di tutti i mezzi utilizzati, come: auto privata, treno, metropolitana, tram e autobus

I dati raccolti misurano i benefici ambientali nelle giornate in smart working, ovvero quando i dipendenti non si sono spostati.

I risultati dello studio mostrano numerosi vantaggi:

  • CO2 risparmiata:873 Kg CO2 eg
  • NOx risparmiati: 95 Kg
  • Particolati risparmiati: 88 Kg
  • Tempo totale risparmiato:107 ore
  • Costo ambientale risparmiato:849 €

 A fronte dei risparmi economici ed energetici di questo periodo in smart working forzato legato all’epidemia, sempre più aziende sono persuase a promuovere questa modalità lavorativa anche dopo il periodo in cui è stato dichiarato lo stato di emergenza, attualmente fissato al 31 gennaio 2021.

Remedia TSR, il partner giusto per il futuro

Di sicuro da questa crisi è emerso che è ormai indispensabile accelerare i tempi dell’innovazione.

Remedia TSR opera su tutto il territorio nazionale ed è un partner di fiducia in grado di assicurare un approccio integrato a livello di gestione operativa e consulenza ambientale, oltre che la garanzia di conformità nel trattamento dei rifiuti. Così le aziende possono essere sollevate dal rischio di sanzioni penali ed amministrative ed occuparsi esclusivamente del proprio core business.

Contattaci per richiedere subito un preventivo gratuito e personalizzato.

* L’analisi Life Cycle Assessment è sottoposta a specifici standard normativi: 1. Normativa UNI EN ISO 14040 (2006): Gestione ambientale, Valutazione del ciclo di vita, Principi e quadro di riferimento. 2. Normativa UNI EN ISO 14044 (2018): Valutazione del ciclo di vita, Requisiti e Linee guida.
News
30/03/2021
La Commissione Europea ha dato il via libera per le nuove etichette di efficienza energetica, modificando...
EFFICIENZA

Servizi competitivi
Unico referente
Puntualità

Qualità

Tracciabilità
Solido know-how
Migliori standard qualitativi

Flessibilità

Assistenza qualificata
Personalizzazione
Innovazione