Scopri il nostro servizio sulla gestione dei Dispositivi di Protezione Individuale >

Home Approfondimenti News Nuove etichette energetiche per le caldaie e strategie di decarbonizzazione
14/05/2021
Nuove etichette energetiche per le caldaie e strategie di decarbonizzazione

Due sono gli ambizioni progetti che l’UE si appresta a completare nei prossimi 30 anni: ridurre le emissioni di CO2 del 55% entro il 2030 attraverso l’introduzione di etichette energetiche più specifiche per le caldaie, oltre a normative volte ad eliminare in modo progressivo riscaldamenti inquinanti e fossili e una strategia per la decarbonizzazione entro il 2050 per ridurre le emissioni di gas serra del 55%.
I due progetti vanno di pari passo per raggiungere l’ambizioso obiettivo della neutralità climatica entro il 2050.

Allarme decarbonizzazione dall’UE: alcune soluzioni.

Secondo l’Emissions Gap Report 2020 servono azioni immediate e orientate verso soluzioni green, soprattutto in vista della ripresa mondiale che seguirà il termine della pandemia da Covid-19 e che potrebbe causare ulteriori innalzamenti della temperatura globale.
A questo proposito è necessario adottare varie soluzioni fra cui: supportare il settore delle tecnologie, ripensare gli spazi verdi aumentando la quantità di suolo forestale, adottare infrastrutture a zero emissioni, incentivare soluzioni che riducano l’impiego di combustibili fossili a favore di energia verde (solare ed eolico).

In particolare è necessario andare verso una progressiva decarbonizzazione di:
• Trasporto pesante su strada
• Trasporto navale
• Trasporto aereo
• Industria manifatturiera
• Edifici (riscaldamento e acqua calda)

Una soluzione potrebbe essere l’impiego di una tecnologia motrice più avanzata oppure potrebbero essere impiegati combustibili a zero emissioni piuttosto che quelli fossili.

La campagna Cool Products made in UE:

Per ridurre le emissioni di CO2 del 55% entro il 2030 e raggiungere la neutralità climatica entro il 2050, è necessario pensare alla decarbonizzazione dei sistemi di riscaldamento delle abitazioni ed introdurre nuove tipologie di caldaie basate su energie rinnovabili (2023). A garantire la bontà del progetto e il raggiungimento degli obiettivi sono 35 Paesi UE – fra cui spiccano i partner italiani Legambiente e Kyoto Club – che si sono impegnati a sostenere la campagna #CoolProducts.
Secondo i dati ufficiali della campagna Cool Products, i sistemi di riscaldamento europei generano il 25% delle emissioni di CO2 del pianeta, mentre l’80% dell’energia usata per riscaldare le case degli europei è causa del surriscaldamento delle acque.
È auspicabile che la scelta di ogni singolo cittadino sia rivolta verso l’uso di pompe di calore, teleriscaldamento e una completa ristrutturazione delle abitazioni, grazie agli incentivi e sgravi fiscali attualmente promossi dallo Stato.

Remedia TSR, il partner giusto per il futuro.

Remedia TSR opera su tutto il territorio nazionale ed è un partner di fiducia sempre informato e aggiornato sulle nuove normative e in grado di assicurare un approccio integrato a livello di gestione operativa e consulenza ambientale. Così le aziende possono occuparsi esclusivamente del proprio core business.
Contattaci per richiedere subito un preventivo gratuito e personalizzato.

News
14/05/2021
Due sono gli ambizioni progetti che l’UE si appresta a completare nei prossimi 30 anni: ridurre...
EFFICIENZA

Servizi competitivi
Unico referente
Puntualità

Qualità

Tracciabilità
Solido know-how
Migliori standard qualitativi

Flessibilità

Assistenza qualificata
Personalizzazione
Innovazione