Scopri il nostro servizio sulla gestione dei Dispositivi di Protezione Individuale >

Home Approfondimenti News Circularity Gap Report 2020 e i vantaggi di una economia circolare
05/02/2021
Circularity Gap Report 2020 e i vantaggi di una economia circolare

La Circularity Gap Reporting è un’iniziativa del 2018 volta a fornire anno per anno la valutazione della circolarità dell’economia globale. Inoltre, individua gli strumenti chiave che portano verso un’economia circolare.

I vantaggi di un’economia circolare

I vantaggi di un’economia circolare sono rappresentati da un sistema economico più sostenibile attraverso la riduzione dell’impatto umano sull’ambiente. Gli effetti positivi sono molteplici: è possibile mitigare gli effetti sul cambiamento climatico e riutilizzare minerali, combustibili fossili, metalli e biomasse. L’adozione di un’economia circolare inoltre, può portare ad individuare e ad agire direttamente sulle cause alla radice delle emissioni.

Negli ultimi anni, sempre più aziende hanno adottato un approccio più ecologicamente responsabile, intravedendo delle opportunità anche in campo economico. Una corretta gestione dei rifiuti può mitigare i costi di produzione attraverso il risparmio di energia e il riutilizzo dei materiali.

Dal 26 settembre 2020 inoltre, per l’Italia c’è stata una svolta riguardo al tema dell’economia circolare. È entrato in vigore il decreto legislativo 116/2020 che, in attuazione delle direttive 2018/851/Ue e 2018/852/Ue, ha reso concreta per l’Italia la disciplina comunitaria dell’economia circolare, fornendo nuove disposizioni in tema di rifiuti, imballaggi e relativi scarti.

La fotografia odierna dell’economia circolare globale

Nel 2018 solo il 9,1% dell’economia mondiale era circolare – risultato emerso dal primo Circularity Gap Report (rapporto sul divario di circolarità globale) – mentre nel 2020 il dato scende all’8,6%. Ciò significa che solo una piccola percentuale di tutti i materiali in uso viene recuperata e riutilizzata, mentre la restante parte viene smaltita. Questo provoca gravi conseguenze ambientali fra cui il cambiamento climatico, la perdita di biodiversità, la degradazione del suolo, il danneggiamento delle acque oceaniche e un eccessivo sfruttamento delle acque dolci.

Strategie e vantaggi di una economia circolare

In un’economia circolare il rapporto fra risorse estratte e materiali dispersi dovrebbe essere ridotta al minimo. Pertanto, è necessario ed auspicabile:

  • Riutilizzare i materiali usati reimpiegandoli per altri utilizzi
  • Evitare l’uso di materiali nocivi e ridurre l’uso di materiali vergini
  • Aumentare la vita media dei materiali, preferendo alla modalità “usa e getta” il prodotto riparabile
  • Incentivare i modelli pay-per-use per massimizzare l’uso dei beni
  • Digitalizzare, sostituendo prodotti fisici con servizi online dove possibile
  • Favorire una progettazione circolare che riduca al minimo l’uso delle risorse

L’adesione delle imprese ad un modello di economia circolare porta benefici all’ambiente e all’intera collettività. Inoltre, le aziende che producono e gestiscono rifiuti a ridotto impatto ecologico aumentano la propria competitività, guadagnano la fiducia dei clienti, il supporto dei partner finanziari e beneficiano di un vantaggio reputazionale.

Remedia TSR, il partner giusto per il futuro

Remedia TSR opera su tutto il territorio nazionale ed è un partner di fiducia sempre informato e aggiornato sulle nuove normative e in grado di assicurare un approccio integrato a livello di gestione operativa e consulenza ambientale. Così le aziende occuparsi esclusivamente del proprio core business.
Contattaci per richiedere subito un preventivo gratuito e personalizzato.

News
05/02/2021
La Circularity Gap Reporting è un’iniziativa del 2018 volta a fornire anno per anno la valutazione...
EFFICIENZA

Servizi competitivi
Unico referente
Puntualità

Qualità

Tracciabilità
Solido know-how
Migliori standard qualitativi

Flessibilità

Assistenza qualificata
Personalizzazione
Innovazione